Do you want to buy antibiotics online without prescription? http://buyantibiotics24h.com/ - This is pharmacy online for you!

Dosate.it

Regione che vai, cura che trovi. L'accesso ai farmaci e la terapia alle prese con la regionalizzazione. Primo dossier diCittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato Pazienti costretti a fingere o a cambiare Regione di residenza per accedere ad un farmaco che possa migliorare la loroqualità di vita. Non si tratta della trama di un film di fantasia, ma la triste realtà a cui sono sottoposti molti cittadini italiani, secondoquanto emerge dal Rapporto di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato sull'accesso ai farmaci, stilato sullabase delle segnalazioni giunte dal 1 gennaio al 31 ottobre 2007, effetto delle “Note AIFA per l'uso appropriato deifarmaci”,e delle politiche farmaceutiche regionali che ne regolamentano l'accesso. Dolore neuropatico cronico. Si stima (Fonte Eurisko) che in Italia circa 12 milioni di cittadini siano affetti da questo tipo dipatologia, che è effetto di malattie come il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, solo per fare due degli esempipossibili. Il 13% dei cittadini che si è rivolto al servizio Pit Salute per segnalazioni relative ai farmaci, evidenzia comesiano molte le patologie per cui non è permesso l'accesso ad uno dei principi attivi più efficaci, il pregabalin, con unaspesa media pro-capite che può arrivare fino a 75 Euro al mese. Si tratta in realtà di uno dei farmaci più prescritti dai medici, con la dicitura necessario ed insostituibile, e la cui efficacia,anche per le patologie escluse dalla nota 4 AIFA, è attestata dalla letteratura scientifica internazionale. Gastroprotettori (note 1 e 48). In questo settore (6% delle segnalazioni) il problema principale è l'eccessiva differenza ditrattamento tra regioni. Insomma, se si soffre di mal di stomaco per colpa degli effetti collaterali di un farmaco convienetrasferirsi nel Lazio, che è la regione che attualmente garantisce un migliore accesso a questi farmaci. Uno dei paradossi delle attuali norme può essere esemplificato con quello che avviene in Liguria: per poter accedere adun farmaco diverso da quello concesso (il meno costoso, cioé l'equivalente) il cittadino deve provarne l'inefficacia dellostesso attraverso l'assunzione per un periodo prolungato. Insomma, si deve prima soffrire a lungo per poter accedere adun farmaco diverso, solo perché più costoso. E in Sicilia invece, anche se è provata l'inefficacia, il medico può prescrivereil farmaco diverso stilando un piano terapeutico dettagliato, e comunque per un periodo non superiore ai tre mesi. Maanche le modalità di rimborso variano cambiando Regione: mentre in Sicilia il prezzo massimo rimborsato al cittadino è di0,90 centesimi al giorno, in Sardegna diventa 0,76 centesimi. Regione che vai, spesa che affronti. Osteoporosi (nota 79). Sebbene sul fronte della prevenzione di questa patologia si siano fatti passi avanti, restano dellelimitazioni legate all'età. Anche di fronte a dei sintomi conclamati, se si hanno meno di 50 anni non si può accederegratuitamente al farmaco per prevenire le fratture. Questo riguarda, per esempio, chi è sottoposto a terapia cortisonicacome la popolazione, anche di giovani, che soffre di artrite reumatoide. Alzheimer (nota 85), ovvero la lunga attesa del paziente. Per poter accedere ai farmaci relativi alla cura di questapatologia, è necessario recarsi personalmente presso le UVA (Unità di Valutazione Alzheimer), poiché non puòprescriverlo il medico di famiglia. E non lo si può ricevere se non dopo una visita periodica con cui rinnovare il pianoterapeutico. Vista la scarsità di questi centri sul territorio e la loro non omogenea distribuzione, i cittadini si trovano a dover affrontare,periodicamente, liste di attesa per poter ottenere la visita, e molto spesso restano per il periodo che intercorre tra la finedel periodo terapeutico e la nuova visita senza farmaco. Un ulteriore problema nasce dalla mancanza di possibilità diottenere visite a domicilio: questo rappresenta in molti casi un grave problema, vista la difficoltà nella mobilità legata adalcuni stadi della malattia. La regionalizzazione della sanità, anziché facilitare la vita dei cittadini l'ha resa sempre più complicata. A seconda dellapatologia di cui si soffre, infatti, può convenire trasferirsi in un'area del Paese piuttosto che in un'altra. Se si soffre di unapatologia rara, solo per aggiungere un altro esempio, conviene trasferirsi in Lombardia. A questo si aggiunga che i dirittidei cittadini devono fare i conti con un medico che prescrive e la ASL che per motivi economici impone restrizioni, finoall'estremo in cui si premiano i medici che prescrivono meno. O, ancora, al paradosso in cui, poiché il paziente che hapiù malattie diventa troppo costoso, si decide di prescrivere terapie solo per qualcuna di queste. Ancora una volta, acausa dell'incapacità delle Regioni di controllare efficacemente, si fa ricorso ad ostacoli burocratici diffusi che penalizzanochi in realtà lega la propria qualità di vita all'accesso a dei farmaci. Rapporto sull'assistenza farmaceutica, 2007

Source: http://dosate.it/files/regione%20che%20vai%20cura%20che%20trovi.pdf

callumconsultancy.com2

DRUG–EXCIPIENT INTERACTIONS Drug–Excipient Interactions Although considered pharmacologically inert, excipients can initiate, propagate or participate in chemical or physical interactions with drug compounds, which may compromise the effectiveness of a medication. Excipients may also contain impurities or form degradation products that in turn cause decomposition of drug substances.

ursulines-ur.org

NEWS from AEFJN – No. 55, January 2012 _________________________________________________________________________________ CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY How big business has seized control of global climate negotiations The Polaris Institute has prepared a report outlining how multinational corporations and their lobbyists haveinfiltrated the United Nations and are influencing the ou

Copyright © 2010-2014 Medical Pdf Finder